Trading Online e Offshore paradisi fiscali

Sabato 25 Gennaio 2014 da Michael Freeman

Dopo oltre 20 anni di globalizzazione e di conseguenza dei trattati fiscali tra paesi in tutto il mondo, messe in atto per evitare la doppia imposizione, molte aziende internazionali sono ora in grado di evitare le alte imposte sulle società nelle rispettive giurisdizioni fiscali locali, incorporando “offshore” società controllate in% 0% 10 “paradisi fiscali” come le Isole anyoption recensione opzioni binarie Vergini britanniche, Hong Kong, Seychelles e molti altri paesi, tra cui i paesi Bassi, dove la proprietà intellettuale è tasse a solo% 1.4 e in Irlanda, dove le aziende sono solo tasse al 12,5%! Il vincitore è il British Virgin Island con una% 0 aliquota dell’imposta sulle società imbattibile, il vero ‘paradiso terrestre’ per le aziende internazionali. Non è una coincidenza che 91 delle 100 società più ricche del mondo, spostare i loro profitti attraverso recensione 24option opinioni i Paesi Bassi. Infatti, le società offshore sono stimate per generare 20-30 miliardi di dollari all’anno e aziende come Apple, Walmart, Starbucks e Oracle tutti prendono vantaggio di questo metodo di ottimizzazione fiscale incorporando società controllate in giurisdizioni fiscali più basse in tutto il mondo.

Guarda il documentario Tax Free Tour da VPRO sul fenomeno globalizzazione mostfascinating del 21 ° secolo!

Trading Online e broker Offshore

Se siete nuovi al trading on line, ci si potrebbe chiedere il motivo per cui molti broker sono registrate tramite società controllate nelle Isole Vergini Britanniche, Cipro o Seychelles brokeropinioni e non in paesi come Canada, Regno Unito o in Svezia. La ragione più ovvia è i benefici fiscali inferiori che possono ammontare a% 20-% 40 nel risparmio fiscale, ‘allettante’ non ne pensi? Nessuno vuole pagare le tasse! Incorporando le aziende internazionali in ‘paradisi fiscali offshore’ può essere la differenza tra profitto o perdere denaro e tra un soggiorno nel mondo degli affari e andare in bancarotta. Forex Broker, Opzioni binarie broker e altri siti di commercio on-line, come il Etoro Social Network, sono tutti seguendo lo stesso percorso che Apple ha aperto la strada incorporando società controllate nei paradisi fiscali e prendendo parte a quella che è la strategia di ottimizzazione fiscale più efficace che nessun semplice trucco contabile potrà mai competere con!

Apple è stato il primo su larga scala società statunitense-Based avere Registro delle recensione IQ Option opinioni Imprese controllate in “paradisi fiscali”, al fine di evitare di dover pagare l’aliquota dell’imposta sulle società degli Stati Uniti% 35 su tutto il profitto non ci ha opzioni binarie etoro recensioni generati attraverso la vendita di prodotti e servizi in tutto il mondo. La verità scioccante è che Apple è in realtà pagando meno del% 2 su tutto il profitto generato al di fuori degli Stati Uniti, con l’aiuto dei banchieri, commercialisti intelligenti e avvocati sono stati in grado di registrare società controllate in Irlanda, Paesi Bassi e BVI e spostare la maggior parte di profitti della società attraverso diversi paesi senza mai atterrare indietro nei loro uffici aziendali a Cupertino, in California! Ovviamente Apple non è l’unica azienda e di fatto, altri grandi nomi come Starbucks, Oracle e Walmart hanno tutti modi trovato a “Off-Shore” gran parte dei loro profitti che utilizzano queste società controllate in vari paradisi fiscali.

Come sono i commercianti on-line influenzati da fare affari con i broker off-shore?

Le imposte più basse consentono aziende internazionali come recensioni opinioni broker opzioni binarie i siti web di trading online, forex e opzioni binarie Brokers, per abbassare i costi, mentre spendendo le loro plus500 recensione opzioni binarie operazioni e in cambio sono in grado di offrire i commercianti on-line con offerte competitive e benefici che sono state rese possibili dal capacità di queste aziende per ottenere l’accesso a tasse più basse. Le aziende possono crescere molto più velocemente, senza dover tagliare “zio Sam” oltre il 30% della torta a forma di pagamenti alte imposte sulle società.

C’è anche l’aspetto morale che non possiamo ignorare che è il pagamento delle imposte locali di evitamento. Non dovrebbero aziende come Apple tenuti a pagare le tasse negli Stati Uniti dove si basano fisicamente? Sembra che nel complesso mondo della contabilità e bancario, tutto è possibile!

Non è chiaro se le società internazionali saranno sempre riescono ad evitare le tasse locali registrando aziende in altri paesi, tuttavia è chiaro che se le autorità fiscali e la legge rende sempre decidere di cambiare le regole del gioco, le persone più ricche del mondo si devono pagare il prezzo. Per ulteriori informazioni sul tema thisfascinating, assicuratevi di guardare il documentario “Tax Free Tour”.

Tags: broker di opzioni binarie, rifugio BVI fiscale, corporation internazionali, broker off-shore, broker truffa recensione copy trading online off-shore, Tax Free Tour, i paradisi fiscali